Che cos’è la sindrome di Down


Alcune anomalie fisionomiche ed un grado variabile di insufficienza psico-motoria, descritti sistematicamente per la prima volta nel 1866 da Langdom Down, caratterizzano la sindrome di Down.


Nel 1959 Lejeune Turpin e Gautier hanno dimostrato che una particolare condizione genetica, definita Trisomia 21 per la costante presenza del corredo cromosomico cellulare di un cromosoma 21 sovrannumerario, è responsabile delle manifestazioni cliniche tipiche della sindrome; i soggetti presentano oltre al ritardo intellettivo e psicomotorio, variabile da caso a caso, anche possibili cardiopatie, malattie respiratorie e deficit immunitari.


È necessario offrire interventi riabilitativi sin dalla nascita per dare loro la possibilità di esprimere un ruolo attivo nella società con una soddisfacente e decorosa collocazione sociale.


In Italia come in tutto il mondo, la sindrome di Down ha una frequenza relativamente alta. Un bambino su 6oo nasce con questo tipo di condizione genetica, diagnosticabile già al momento della nascita. Si stima che in Italia vivano circa 50000 persone con sindrome di Down con 700 nascite all'anno (due al giorno).


A Vicenza sono presenti circa 450 persone con sindrome di Down. L'aspettativa di vita di una persona con sindrome di Down è fra i 60 e i 65 anni.




A.Gen.Do. onlus - Via Natale del Grande, 18/20 - 36100 Vicenza - Tel. e Fax 0444 525308 - agendoonlus@outlook.it - C.F./P.I. 95009020249
Copyright © 2017 A.Gen.Do.